PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

L’Oktoberfest e le “sei sorelle di Monaco”, i sei birrifici ufficiali

Le sei sorelle di Monaco e dell'Oktoberfest

A Monaco di Baviera, come da tradizione, si sta svolgendo l’Oktoberfest, il ritrovo popolare voluto da re Luigi I per festeggiare il suo matrimonio con Teresa di Sassonia-Hildburghausen nel 1810.

L’Oktoberfest, a partire da quell’anno, ad eccezione di alcune edizioni, si è svolta regolarmente ogni settembre/ottobre richiamando turisti da tutto il mondo. La città ospita molti birrifici e vengono prodotti tutti i tipi di birra, da quella chiara a quella scura. Solo sei marchi però, le “sei sorelle di Monaco”, sono ammessi all’Oktoberfest, e possono partecipare con i loro tendoni al tradizionale appuntamento annuale di Theresienwiese.

Alla scoperta delle “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest

Le aziende monachesi che hanno ottenuto questo prestigioso riconoscimento, i sei birrifici ufficiali dell’Oktoberfest sono: Augustiner, Paulaner, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Löwenbräu, Spaten. Scopriamoli insieme qui di seguito.

Le “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest: #1 la Augustiner

Augustiner Bräu München è uno dei birrifici più antichi della città monachese, costruito dagli agostiniani nel 1328. L’azienda produce diversi tipi di birra, Helles, la più nota, birra chiara con un tasso alcolico di 5,2%, Edelstoff, birra ancora più chiara e con tasso alcolico leggermente superiore, Oktoberfestbier, bevanda prodotta esclusivamente per la festa monachese, Dunkles, birra di malto scura ed ancora Maximator, Pils, Weissbier, Bock. La Maximator è una birra fermentata in Quaresima ed è la birra della Starkbierfest.

Le “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest: #2 l’Hofbräuhaus

Le sei sorelle di Monaco e dell'Oktoberfest - HofbräuhausLo Staatliches Hofbräuhaus in München è sicuramente il più famoso birrificio di Monaco di Baviera. L’attività, di appartenenza dei regnanti bavaresi ed attualmente è di proprietà del governo del Land.

La birreria fu voluta dal duca Guglielmo V nel 1589, e re Luigi I aprì il locale al pubblico nel 1828. In queste sale i soldati proclamarono nel 1919 la Repubblica comunista in sostituzione della Repubblica Bavarese dei Consigli, e Hitler tenne uno dei suoi primi comizi.

L’edificio venne gravemente danneggiato nel corso della seconda guerra mondiale, fu ricostruito e venne riaperto in tempo per festeggiare l’800esimo anniversario della fondazione di Monaco di Baviera. A partire dal 1897 il birrificio fu spostato in periferia, quando il complesso venne acquistato dallo stato bavarese.

L’azienda produce diversi varietà di birra, Original, Dunkel, Weisse, Schwarze Weisse, Maibock, Sommer naturtrüb e Oktoberfestbier. L’HB è, dal 2004, patner ufficiale dell’Accademia Bavarese del Teatro.

Data la sua importanza, è poi anche stata dedicata una canzone a questo locale, “In München steht ein Hofbräuhaus”, e oggi è possibile gustare la birra di Ludwig all’Oktoberfest, presso l’Hofbräu-Festzelt, il tendone dell’HB.

Le “sei sorelle di Monaco”e dell’Oktoberfest: #3 la Paulaner

La Paulaner, birra del Bayern München, società calcistica cittadina, la più titolata di Germania e una tra le squadre più titolate del mondo, deve il suo nome al comune di Paola, borgo situato in Calabria.

Il birrificio Paulaner Brauerei GmbH & Co. KG fu realizzato da monaci dell’ordine dei Minimi (o Paolani, Paulanerorden), il cui fondatore si chiamava Francesco di Paola.

La Paulaner produce diversi tipi di birra, le Weißbier, le Original Münchner, le Münchner, e due birre stagionali, la bevanda preparata apposta per l’Oktoberfest e la Salvator.

Le “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest: #4 la Hacker-Pschorr

Il birrificio Hacker-Pschorr fu fondato nel 1417. Il nome del birrificio inizialmente era Hacker, poi Joseph Pschorr lo comprò e fondò un altro birrificio. Pschorr aveva due figli, un erede divenne proprietario della Hacker e l’altro acquisì l’azienda fondata dal genitore. Nel 1972 venne decisa la riunione delle due società, anche se i due marchi produssero le birre separatamente fino al 1975.

Questa azienda produce molti tipi di birra, Münchner Hell, Münchner Gold, Münchner Dunkel, Hefe, Dunkle, Leichte, Braumeister, Hubertus, Münchner, Nährbier.

Le “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest: #5 e #6, la Spaten e la Löwenbräu

le sei sorelle di Monaco e dell'Oktoberfest - la LöwenbräuSpaten e Löwenbräu hanno costituito, nel 1997, una nuova società, e successivamente la multinazionale belga Anheuser-Buch InBev ha acquisito il Spaten-Löwenbräu-Gruppe.

Il birrificio Spaten, fondato nel 1397, ha come simbolo una vanga, che in tedesco si dice appunto Spaten. Produce diversi tipi di birra, Münchner Hell, Diät-Pils, Alkoholfrei, Pils, Oktoberfest Beer e le birre di frumento Franziskaner.

Celebre è lo slogan “Laß dir raten, trinke Spaten”, “lasciati consigliare, bevi Spaten”, della campagna pubblicitaria degli anni Venti.

Della Löwenbräu, la “Birra del leone”, non si conosce la data certa in cui venne fondata. Per molto tempo si è pensato che l’attività fosse iniziata nel 1383, ma con buona probabilità l’anno giusto si aggira intorno al 1524.

L’azienda è presente all’Oktoberfest dal 1810 e propone, in occasione del ritrovo monachese, una birra chiara ambrata fresca. Oltre a questa varietà vengono poi prodotte la Urtyp, la Dunkel, l’Original, la Weisse, la Schwarze Weisse, la Premium Pils, l’Alkoholfrei, la Radler e la Triumphator.

Le “sei sorelle di Monaco” e dell’Oktoberfest, in attesa del Natale

L’Oktoberfest è l’anticamera per gli eventi autunnali e invernali, tra cui i mercatini di natale, che animeranno la città di Monaco con le loro luci, i loro profumi e odori e i loro sapori. Un appuntamento sicuramente da non perdere, e nel frattempo… godetevi le “sei sorelle di Monaco” e prosit!

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.