PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Cosa vedere a Strasburgo

Uno dei monumenti più rappresentativi della città è la Cattedrale di Notre-Dame, nella piazza centrale. La sua costruzione è durata ben 400 anni, dall’XI secolo al XV, e ha dato vita ad uno dei più riusciti esempi di architettura gotica in Europa. La sua famosa torre si staglia in cielo fino a 142 metri ed è tra gli edifici più alti di Francia e non solo. Tra esili colonne e raffinati ricami, la chiesa presenta una spettacolare facciata in arenaria rosa, interrotta da un rosone a sedici petali, del quale si riesce a cogliere la straordinaria potenza estetica solo varcando uno dei tre ingressi cuspidati. Infatti, se l’esterno è il trionfo dell’innalzamento a Dio attraverso la pietra, l’interno della cattedrale rappresenta il desiderio di raggiungere il cielo tramite la luce. All’interno infatti, la navata centrale è illuminata da immense vetrate e crea uno spettacolo di assoluta bellezza. Le tre navate custodiscono poi una serie infinita di capolavori: il pulpito di Hans Hammer, l’organo, i fonti battesimali, la cappella di San Giovanni, l’abside romanico e il celebre orologio astronomico, autentica meraviglia della scienza e della tecnica rinascimentale restaurata nell’Ottocento.
Dalla piazza antistante la cattedrale si gode un’ottima vista delle altre bellezze cittadine, come la Maison Kammerzell, oggi un lussuoso ristorante, ma un tempo proprietà di un ricco mercante. Si tratta della più interessante casa a graticcio della città, riccamente decorata da personaggi biblici e mitologici, segni zodiacali e musicisti. Le sue 75 finestre sormontano una bella serie di possenti archi medioevali.
La parte più suggestiva del centro storico di Strasburgo è senz’altro il quartiere della Petite France, zona dal fascino medievale, fatta di casette a graticcio con i tetti spioventi. Qui un tempo si trovavano le case dei mugnai, dei pescatori e dei conciatori di pelle, situate sul fiume Ill, proprio per favorire la lavorazione ed il trasporto dei loro prodotti. Di quel lontano periodo storico oggi restano i Ponts Couverts, in realtà scoperti dal Settecento, che conservano ancora le loro massicce torri trecentesche. Nel quartiere si trova anche la Grande Chiusa, una diga fatta costruire nel 1690 da Vauban, da cui oggi si gode uno spettacolare panorama sull’intera Petite France.
Attraversando Place Kleber, vitale punto di incontro cittadino, si raggiunge Piazza Gutenberg dove si può ammirare un monumento dedicato al celebre inventore dei caratteri mobili. La piazza si collega nuovamente alla Cattedrale attraverso una stretta via adorna di case a traliccio, tra le quali spicca un pregevole balcone in ferro battuto del XVIII secolo.
Meritano una visita anche la Chiesa di S. Paul, in stile neogotico, l’Università, e Place Saint-Etienne, una delle piazzette strasburghesi più ricche di fascino.
Uscendo un pò dal centro storico, si raggiunge il colossale Palazzo del Reno in arenaria gialla, posto nella sontuosa Piazza della Repubblica, dove si può ammirare la maestosità degli edifici voluti, a partire dall’annessione del 1870, dall’impero prussiano.
Infine, a nord della città, si estende il cosiddetto Quartiere Europeo, l’area dedicata a tutti gli edifici estremamente moderni che ospitano le istituzioni internazionali con sede a Strasburgo. Il gioiello dell’architettura contemporanea è il palazzo che ospita il Parlamento Europeo, costruito nel 1999 e caratterizzato da diversi volumi che formano l’incrocio di un cerchio e di un’ellisse. L’edificio ha una capienza di 750 posti, che consente l’accoglienza delle sessioni mensili, cui è possibile anche assistere previa prenotazione.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.