PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Storia di Steyr

Steyr, vecchia oltre 1000 anni, è una città situata in Austria. E’ terza per la sua popolazione dopo Linz e Wels con circa 40000 abitanti. La città romantica di Steyr è fortemente caratterizzata dal paesaggio e dagli edifici presenti,vecchie fontane e in particolare dai due fiumi Enns e Steyr e dei 119 ponti e passerelle che li attraversano. E’ situata a circa 48 km da Linz, si trova nell’Alta Austria a 310 m. sul livello medio del mare, alla confluenza dei fiumi Enns e Steyr ed è divisa in otto Katastralgemeinden (comuni catastali): Steyr, Jägerberg, Föhrenschacherl, Hinterberg, Christkindl, Gleink, Sarning, Stein. Inoltre la città è soprannominata città di Gesù Bambino, per il noto ufficio postale dove i bambini e gli adulti portano le letterecontenenti i loro desideri. Dal 1 al 25 dicembre è tradizione lasciare aperte le imposte delle finestre splendidamente decorate.Styraburg, il castello di Lamberg, venne completato nel 980 circa dagli Otakar, margravi e più tardi duchi della Stiria. Nel 985 ci fu intorno al castello ed alla chiesa parrocchiale di St. Michael un primo insediamento. La cittadina si sviluppò grazie al commercio del Ferro, e durante il periodo gotico si realizzarono gran parte degli edifici dell’attuale città vecchia che nel periodo rinascimentale, barocco e rococò vennero modernizzati. Nel 1186 la città venne concquistata dai Babenberge e il Duca Albrecht I diede a Steyr nel 1287 il titolo di città e vasti diritti commerciali. La profonda crisi che scoppiò a causa di un incendio scoppiato nel 1727 portando alla distruzione molti edifici della città vecchia, compresa parte del castello, nonché i sobborghi di Ennsdorf e Steyrdorf e il crollo dell’artigianato pose fine alla lunga fase di sviluppo e di ricchezza economica. Successivamente nel 1864 Josef Werndl (1831-1889) riuscì a risollevare l’economia della città trasformando l’azienda del padre in una fabbrica d’armi per la produzione di fucili a retrocarica e che ben presto divenne la principale fornitrice dell’impero austro-ungarico.verso il 1920 cominciò a produrre inoltre camion, cuscinetti a sfere, automobili e trattori. Dopo la seconda guerra mondiale si dedicò unicamente alla realizzazione di armi da caccia e sportive che continua ancora oggi. A causa dei bombardamenti da aerei nemici nel 1944 la citta Steyr subì gravi danneggiamenti. Negli anni successivi al 1955, anno in cui l’Austria si dichiarò neutra, Steyr riuscì a riprendersi di nuovo, e si estese con i nuovi quartieri Resthof, Tabor, Ennsleite.

 

 

 

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.