PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Cosa vedere a Praga

Situata sulle rive della Moldava (Vltava in ceco), Praga è una città meravigliosa, scrigno di magnifici monumenti storici, dichiarati dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. La sua centralità nell’Europa l’ha resa, fin dal primo Medioevo, un importante incrocio mercantile e un luogo d’incontro per scienziati e artisti da tutto il mondo. Non solo, ma i più di mille anni di storia hanno lasciato una traccia e prodotto un continuo sviluppo architettonico nelle sue vie e nel centro storico, che ancora oggi è una galleria eterogenea di tutti gli stili, dal Gotico al Liberty e fino al Modernismo. E’ anche questo che la rende una delle città più affascinanti al mondo.
Le principali aree turistiche di Praga sono separate dalla Moldava. Il Castello di Praga, la Parte Piccola e la Cattedrale di S. Vito sono situati sulla riva sinistra del fiume, mentre su quella destra si trovano la Città Vecchia, il Quartiere Ebraico e la Città Nuova. Sopra la Moldava si stende lo stupendo Ponte Carlo che congiunge la Città Vecchia e la Parte piccola.

Città Vecchia e Città Nuova
La Città Vecchia è il centro storico di Praga, il cui cuore è la Piazza della Città Vecchia (Starometske). La piazza è stata magnificamente restaurata ed è il punto di partenza ideale per iniziare la visita della città. Qui si trovano le guglie gotiche della Chiesa del Týn, la statua del riformatore Jan Hus e, sul lato opposto, l’orologio astronomico del Municipio della Città Vecchia. In cima alla torre del Municipio si gode di una magnifica vista sulla piazza e oltre.
Non lontano dalla Piazza della Città Vecchia si trova Piazza Venceslao, un punto d’incontro molto amato dai praghesi, nonché indaffarato centro di Nové město, la Città Nuova.

La Città nuova fu edificata 600 anni fa e venne concepita come principale centro commerciale di Praga. Ancora oggi questa rimane la sua principale caratteristica. Vi si trovano numerose aziende, hotel, banche ma anche grandi magazzini, boutique ed alcuni piccoli centri commerciali. Nové město è anche ricca di cultura con i suoi molti teatri, tra cui l’Opera, cinema e musei. Fu fondata dal re Carlo IV nel 1348 come nuova grande area tra Vyšehrad e Città Vecchia. Il nuovo distretto avrebbe dovuto far crescere le dimensioni e la popolazione della cittá, poiché in quel periodo essa era capitale del Sacro Romano Impero. Così, numerose attivitá commerciali furono spostate a Città Nuova dalla Città Vecchia e dal Quartiere Piccolo. Re Carlo progettò in autonomia il tracciato di Città Nuova e seguì di persona il procedere dei lavori di costruzione, forse per assicurarsi che il suo progetto venisse seguito alla lettera. Il progetto, decisamente moderno per l’epoca, includeva ampie piazze e larghi viali. Le tre piazze principali servivano da mercato: c’era quello dei cavalli (Koňský trh), ora piazza Venceslao, il mercato del bestiame (Dobytčí trh), ora Piazza di Carlo, ed il mercato del fieno (Senovážné náměstí), che ancora ora oggi ha questo nome. I  tre mercati erano collegati tra loro dalle odierne Vodičkova e Jindřišská. Sebbene la Città Nuova fosse stata originalmente costruita in stile gotico, molta della sua attuale architettura risale alla fine del XIX secolo, epoca in cui la maggior parte degli edifici originali venne abbatta nel corso di una radicale opera di pulizia delle catapecchie in cui si era trasformato il quartiere. Nuovi edifici vennero edificati dagli architetti del tempo ed il risultato fu una variegata mescolanza di stili architettonici simile a quella che si può trovare nel confinante distretto di Vinohrady.

Il Quartiere Ebraic
Il Quartiere Ebraico non è lontano dalla Piazza della Città Vecchia Al suo interno si trova il Museo Ebraico, che amministra i seguenti luoghi: la Maislova synagoga, la Pinkasova synagoga, la sinagoga spagnola, il vecchio cimitero ebraico, la Klausova synagoga e la Sala Cerimonie. La sinagoga vecchia-nuova è la piú antica dell’Europa centrale.

Il Ponte Carlo
Il Ponte congiunge la Città Vecchia con la Parte Piccola. Fu costruito nel 1357 dall’architetto svevo Peter Parler, con lo scopo di difendere e far da ingresso al Castello di Hradcany. E’ largo 10 e lungo 516 metri, ed inizia con una splendida torre, ornata con gli stemmi dei paesi uniti della Boemia. Le sere d’estate il ponte si riempe di artisti e musicisti e tutti gli abitanti e i turisti vengono a compiere una passeggiata tra le parate di statue. Il momento migliore per attraversarlo è la sera, che consente di godere della splendida vista del Castello illuminato. Durante il giorno invece è possibile salire sulle torri che si trovano su entrambe i lati del Ponte, in particolare, vale la pena di visitare la torre sul lato della Città Vecchia.

Il Castello
Il Castello è senza dubbio uno dei punti migliori di Praga. Assieme alla Parte Piccola e alla Cattedrale di S. Vito, si trova su  una collina, il che consente di avere una vista spettacolare sulla città. Oggi esso ospita gli uffici del Presidente della Repubblica, oltre che molte istituzioni culturali. Al pubblico sono aperte anche le sale dell’ex Palazzo Reale ed i Giardini del castello. Una volta attraversati i giardini, prendendo la Nerudova si può scendere e raggiungere Malostranské náměstí, il cuore della Parte Piccola, ricca di suggestive viuzze. Qui, a lato del Ponte Carlo, si può ammirare l’Isola di Kampa.

La Piazza di Jiří z Poděbrad (Náměstí Jiřího z Poděbrad)
La piazza prende il suo nome dal re Hussita Jiří z Poděbrad (Giorgio da Poděbrady) che regnò sul Paese nel XV secolo. È un ottimo punto per iniziare una camminata per Vinohrady. La piazza è facilmente riconoscibile dalla Chiesa del Sacro Cuore (Kostel nejsvětějšího srdce Páně). Questa monumentale chiesa moderna e un’opera unica dell’architetto sloveno Josip Plečnik, edificata tra il 1928 ed il 1932.

Il Mercato di Vinohrady (Vinohradská tržnice)
Lo storico palazzo del mercato di Vinohrady al numero 50 della Vinohradská si trova a pochi isolati dalla piazza di Jiřího z Poděbrad. Il palazzo è stato costruito nel 1902 seguendo il progetto del prinicipale architetto di Vinohrady di quel tempo, Antonín Turek. È uno dei tre rimanenti mercati storici di Praga. L’interno ora accoglie un centro commerciale, il Pavilon. Ma Vinohrady è anche il nome della splendida area residenziale della città. Il quartiere include parti di Praga dette 2, 3 e 10. La maggior parte dei suoi imponenti edifici, che sono in stili diversi, neorinascimentale, Art Nouveau, pseudo barocco e neogotico, furono costruiti tra XIX e XX secolo. Molti di questi edifici sono stati e continuano ad essere restaurati, restituendo dettagli e pigmentazioni sorprendenti.

Piazza della Pace
(Náměstí Míru)
La piazza è dominata dalla chiesa neogotica di Santa Ludmilla (Kostel sv. Ludmily), una basilica con due torri, costruita tra il 1888 ed il 1893. Molti famosi artisti dell’epoca hanno lavorato agli interni e agli esterni della chiesa. Tra questi, lo scultore Josef Václav Myslbek (autore della statua di San Venceslao su piazza Venceslao e delle sculture del parco di Vyšehrad).
Al numero 7 di Náměstí Míru si trova il maestoso edificio del Teatro di Vinohrady (Divadlo na Vinohradech), uno dei più antichi e famosi teatri di Praga, inaugurato nel 1907.
La neorinascimentale Casa Nazionale di Vinohrady (Vinohradský Národní dům) si trova al numero 9, risale al 1893-94 e fu progettato dall’architetto Antonín Turek. Oggi l’edificio è sede di varie organizzazioni ed associazioni.

Parchi
Sono molto numerosi i parchi di Vinohrady. I piú grandi sono Riegrovy sady a nord e Havlíčkovy sady a sud.
Riegrovy sady è un piacevole parco compreso tra le vie Italská, Chopinova, Polská e Vozová nel nord-est di Vinohrady al confine con il quartiere di Žižkov. È facilmente raggiungibile a piedi da Vinohradská e Slavíkova e dalla piazza di Jiřího z Poděbrad. Il parco prende il suo nome dal politico ceco del XIX secolo František Ladislav Rieger. Adagiato su di una collina, il parco offre una splendida vista verso il Castello di Praga. Il parco è stato realizzato tra il 1904 ed il 1908 come giardino pubblico in stile inglese e comprende una terrazza d’osservazione ora purtroppo deterioratasi e caduta in disuso.
Havlíčkovy sady è il secondo parco per grandezza a Praga e si trova sull’altro lato di Vinohrady, al confine con il quartiere di Vršovice. Il punto di riferimento piú noto è la Villa Gröbe (Grébovka). Questo magnifico esempio di villa neorinascimentale è stato edificato come lussuosa residenza estiva per l’industriale Moritz Gröbe tra il 1871 ed il 1888 ed è collocata in un giardino a terrazze modellato con gusto con un piccolo vigneti.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.