PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Storia di Montreux

La regione di Montreux è stata a lungo una serie di piccoli villaggi e frazioni, alcune di epoca romana. Nel Medioevo, ad eccezione di qualche artigiano, la gente viveva dei frutti della terra, allevavano bestiame, producevano grano e coltivava la vite. Spiritualmente dipendenti della diocesi di Losanna nella prima metà del secolo XI, la zona di Montreux faceva parte del Vescovado di Sion. Dopo un futile tentativo di scambio con Pietro di Savoia,la Parrocchia di Montreux fu trasformata in vidamie. E ‘stata venduta nel 1295 per Girard d’Oron, il cui erede vive l’obbligo di cedere alcuni diritti per le sue terre al conte Amedeo V di Savoia. Questa condivisione ha avuto luogo 18 Agosto 1317 e si è conclusa con un trattato di Montreux capitale, che generò la separazione di Châtelard e il lungomare, che durò più di seicento anni.Nel secolo scorso la regione vide una crescita straordinaria attraverso la navigazione sul lago di Ginevra e, in larga misura, all’arrivo della ferrovia. I piccoli borghi di una volta si trasformarono in un vasto agglomerato mentre le pensioni modeste hanno aperto le porte nel 1815, i primi alberghi degni di questo nome sono stati costruiti alcuni anni più tardi.I Molti scrittori e altri artisti che vivevano nella nostra zona ha fatto molto per pubblicizzare la bellezza di questo paesaggio, la calma e la serenità che emergono.
La prima guerra mondiale finì l’età d’oro di Montreux. Nonostante le tribolazioni causate dalle due guerre mondiali del ventesimo secolo, il turismo è rimasta la principale fonte di reddito.
Nel 1961, la fusione dei Comuni di Châtelard e al lungomare, votato dal popolo, trasformata Montreux in un’unica entità politica, il cui nome deriva dal latino “Monasterium”.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.