PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Musei a Merano

Nonostante le sue ridotte dimensioni, Merano offre una grande quantità di Musei nel suo centro storico e nel circondario, tra cui il Museo Ebraico e la Raccolta Russo Ortodossa.

Tutti i Musei di Merano

Museo Civico

museo-civico-meranoIl Museo Civico di Merano fu inaugurato nell’ottobre del 1900, negli ambienti messi allora a disposizione da alcune dame inglesi sulla Passeggiata d’Inverno. Il fulcro della collezione era costituito in origine dal lascito del medico meranese Franz Innerhofer (1847-1918), che fu anche il primo direttore del museo e presidente della Meraner Museumsverein (Associazione del Museo). L’intento di Innerhofer era di creare una collezione di rilevanza regionale, che potesse competere con il vicino museo provinciale Ferdinandeum di Innsbruck. La collezione era perciò composta principalmente da arte tirolese del Medioevo e del Barocco. I criteri di acquisizione divennero però più vasti ed eterogenei col tempo ed entrarono a far parte dei fondi del museo oggetti d’interesse storico e patriottico, come il ferro del cavallo di Andreas Hofer, antichi utensili e costumi tipici, una raccolta numismatica, una collezione di minerali e fossili, una di fotografie storiche. Inoltre, grazie a lasciti e donazioni di ospiti e meranesi, nel tempo il museo si è arricchito ulteriormente di oggetti interessanti e curiosi, come la maschera funebre di Napoleone, una mummia egiziana ed una collezione di armi del Sudan appartenuta all’avventuriero Rudolph Slatin Pascha. Dal 1911 il museo si trasferì in una nuova sede, nell’allora Jahnstraße, oggi via Galilei. Per più di ottant’anni questo edificio è rimasto la sede storica del museo civico, mentre attualmente sono in corso i lavori per la nuova sede, in piazza Steinach.

Museo della Donna

museo-donne-meranoIl museo ospita la più grande e completa raccolta di abiti femminili d’Europa e contempla  accessori ed oggetti della vita quotidiana delle donne del Novecento, fino agli anni ‘90 del secolo. L’esposizione, situata in via dei Portici 68, viene modificata di continuo e circa ogni 3 anni viene aggiornata secondo nuove tematiche, scelte a partire dalle mode susseguitesi nel XX secolo e dagli oggetti presenti nella collezione. Il Museo della Donna è stato fondato da Evelyn Ortner nel 1988, che ha portato al sicuro la sua voluminosa collezione, messa assieme in 40 anni di attività di raccolta ed iniziata a 17 anni, con l’acquisto di una borsetta d’epoca!

Musei nei dintorni di Merano

roccaforte-meranoLe roccaforti ed i castelli della zona di Merano non sono soltanto splendide costruzioni immerse nella natura, ma anche siti ideali per musei ed altre manifestazioni culturali, tra cui la disputa di tornei cavallereschi.
La Roccaforte del Principe Regnante ospita una raccolta di oggetti di arredamento, armi e quadri risalenti al Medioevo, il Museo del Vigneto è situato nel castello Rametz ed ospita una collezione di antichi attrezzi da lavoro usati nella viticultura e nell’agricoltura, il Museo della Montagna di Reinhold Messner è accolto nel castello Juval in Val Senales e comprende foto storiche, affreschi, una collezione di maschere (con pezzi d’esposizioni provenienti da cinque diversi continenti), gnomi, trolls, figure asiatiche ed equipaggiamenti delle spedizioni di Messner. Il Museo Provinciale del Turismo dell’Alto Adige (detto “Touriseum”) mostra lo sviluppo storico del turismo in questa regione e dal 2003 si trova nel castello Trauttmannsdorff (o Castel di Nova), al quale è annesso uno dei giardini botanici più belli in Italia. In realtà i giardini sono più d’uno: giardini del sole, giardini acquatici e terrazzati, giardini boscati e paesaggi dell’Alto Adige. Da metà marzo o inizio aprile fino a inizio novembre, una miriade di variopinti fiori, piante di tutte le specie e vere rarità aspettano di essere ammirate. In totale le piante sono più di 100.000, e le specie 3.000!

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.