PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Storia di Linz

Lungo il Danubio nel 400 a.C si svilupparono numerosi insediamenti celtici entro il perimetro della attuale città. Durante il regno di Carlo Magno Linz ricevette molti incarichi basati sul mercato e su i dazi doganali per Traungau.

Sotto il controllo dei Babenberg, Linz, si trasformò nella città che fu progettata nel 1207 e successivamente ricevette un sigillo della città e un giudice munincipale. Inoltre Linz ebbe uno sviluppo importante: Federico III scelse Linz come città residenziale e la fece Centro del Sacro Impero Romano dal 1489 al 1493.

Linz fece parte della riforma protestante ma durante la Controriforma, il gesuita Georg Scherer ha lavorato qui come predicatore di fuoco contro la Riforma, che è stato fatto nel 1605 in un sermone alla persecuzione delle streghe nella chiesa.

Dopo la fine della Guerra dei Trent’anni la città era barocca. La parte essenziale di questo è stata la costruzione di nuovi monasteri fondati dall’Ordine. Nel 1672 il cristiano Sint ha fondato un “lanificio”, la prima fabbrica tessile in Austria.

Nella metà del XIX secolo iniziò l’industrializzazione a Linz. Nel 1840 Ignaz Mayer fondò il cantiere di Linz la prima grande impresa di elaborazione di metalli.

Il 12 marzo 1938 con l’ingresso delle truppe tedesche, Hitler fece un “viaggio di vittoria” a Vienna, partendo dalla sua città natale Braunau. Linz fu la prima volta che parlava come Cancelliere del Reich su terreno austriaco. Hitler, aveva frequentato la scuola a Linz e aveva previsto per Linz un importante ruolo culturale ed economico. I suoi piani di espansione contenevano un viale con edifici lussuriosi, un teatro, un’opera e gallerie, ma sopratutto il “Führer Museo”, che doveva ospitare la più grande galleria d’arte del mondo. In seguito “all’ordine speciale di Linz” furono rubate per questa collezione tante opere d’arte dai musei delle terre occupate. Durante la seconda guerra mondiale Linz è stata sede di tre sottocampi nazisti del vicino campo di concentramento di Mauthausen-Gusen: denominati Linz I, Linz II e Linz III, erano adibiti a campi di lavoro forzato.

 

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.