PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Cosa vedere a Innsbruck

Innsbruck sorge sul fiume Inn e  ha 120.000 abitanti. E’ la terza città austriaca e capoluogo della regione del Tirolo. La sua prima caratteristica è di essere uno storico centro artistico e culturale, nonché una città universitaria già dal XVII secolo. A monte della sua bellezza e della sua prosperità c’è stata, in passato come oggi, la posizione strategica tra la valle dell’Inn e il valico del Brennero, che ne ha fatto un importante centro commerciale e fieristico dell’Austria e d’Europa. Ma Innsbruck non è solo una città di rilevante interesse storico, bensì una riuscita simbiosi fra tradizione e modernità. Infatti, essa è anche una famosa stazione sciistica con almeno 25 località di villeggiatura nei dintorni ed è stata due volte, nel 1964 e nel 1976, sede delle Olimpiadi invernali.
Innsbruck offre davvero la vacanza ideale, tra sport e cultura, shopping e natura, vita notturna e relax.


La Città Vecchia
Una visita a Innsbruck non può che cominciare con una passeggiata nel centro storico, detto anche Città Vecchia, ovvero Altstadt. Si tratta di una zona quasi interamente pedonale, piena di visitatori di giorno e animata da numerosi bar, locali e ristoranti la sera. E’ la zona più caratteristica della città, dove si trovano molte delle principali attrazioni turistiche: la Loggia d’oro, la Residenza Imperiale, il Duomo e molti altri storici edifici cittadini.


La Loggia d’oro (Goldenes Dachl)
La via principale del centro storico di Innsbruck è Herzog Friedich Strasse, sulla quale si affacciano alcuni tra i più bei palazzi in stile gotico della città. In particolare, vi si trova il palazzo Neuer Hof, ovvero il palazzo residenziale dell’imperatore Massimiliano I d’Asburgo, la cui facciata e’ ornata dal celebre Goldenes Dachl, in italiano Loggia o Tetto d’oro, uno splendido balcone sormontato da tegole a scaglie in rame dorato e parapetti riccamente affrescati da Kolderer e N. Turing il Vecchio. All’interno dell’edificio è stato allestito il Maximilianeum, la sala del tesoro dell’imperatore Massimiliano I, cifra del suo potere e del suo ruolo storico.


Il Palazzo Imperiale (Hofburg)
Nel centro della città si trova anche il Palazzo Imperiale, sede principale del potere imperiale a Innsbruck. Esso era in origine un castello medievale, fatto costruire dall’arciduca Sigismondo il ricco, conte del Tirolo. L’imperatore Massimiliano I successivamente lo ingrandì, mentre fu Maria Teresa (1740-1780) a rimodernarlo in stile Rococò, secondo il modello della Residenza viennese, veste con cui ancora oggi si presenta. Maria Teresa risiedette ad Innsbruck solo due volte, nel 1739 e nel 1765, in occasione delle nozze di suo figlio Leopoldo II con la principessa spagnola Maria Ludovica. Le celebrazioni furono intristite dalla morte del marito dell’imperatrice, Franz Stephan von Lothringen, sepolto nella camera mortuaria poi adibita a cappella, in onore del quale Maria Teresa fondò un ordine religioso di sole donne che avrebbero avuto il compito di pregare per il lui. All’interno del palazzo si possono ammirare diverse sale, come la sala delle feste con i ritratti della famiglia imperiale e di Maria Teresa, la sala del trono, gli appartamenti imperiali e la cappella. All’esterno del palazzo si trovano i magnifici giardini imperiali.


La Helblinghaus
E’ un’abitazione borghese del XV secolo, situata di fronte al Goldenes Dachl, la cui facciata è decorata con stucchi tardo-gotici.
Il suo nome deriva da quello di Sebastian Helbling, che qui vi gestiva un caffè nel XIX secolo. Le splendide decorazioni sono di Anton Gigl e risalgono al 1730. Raffigurano foglie d’acanto, cascate di frutta, muschi, putti, maschere e ricoprono l’intera facciata, dal primo al quarto piano, fino alla grande cuspide barocca.


La torre cittadina
Di fronte alla Helblinghaus svetta la torre cittadina, detta Stadtturm. Il monumento, del 1450, che ha una cupola a bulbo ed un orologio, serviva in passato come punto d’osservazione contro gli attacchi nemici. Oggi resta uno dei belvederi migliori su città e dintorni.


Il Duomo di San Giacomo
A pochi passi dal Goldenes Dachl si accede ad una tranquilla piazzetta, con una fontana ed un piccolo giardino, su cui si affaccia la splendida cattedrale gotica di St. Jackob, costruita fra 1717 e 1724 sulla base dei disegni dell’architetto barocco Johann Jakob Herkommer.
La chiesa, oltre che essere dedicata a S. Giacomo, è santuario mariano ed ospita la Pietà Maria Ausiliatrice di Lukas Cranach, monumento funebre dell’arciduca Massimiliano III. Al suo interno si trova anche il meraviglioso organo con facciata barocca di Nikolaus Moll.


Il Triumphforte
L’arco di trionfo, situato in Maria Theresien Strasse, fu fatto erigere da Maria Teresa nel 1765, in occasione delle nozze del figlio Leopoldo II con Maria Ludovica.
Maria Theresien Strasse inizia con questo arco a tre fornici e termina all’imbocco della Herzog Friedrich Strasse e dell’Altstadt vera e propria. Da tale strada parte il centro della città.
La via è ricca di edifici barocchi costruiti dagli architetti Gumpp tra Sei e Settecento. Qui si trova anche il Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum, uno dei più importanti musei del Tirolo.


La Hofkirche
E’ la chiesa di corte, edificata tra 1555 e 1565, che contiene uno dei più importanti monumenti funebri imperiali: il cenotafio dell’imperatore Massimiliano I, affiancato da 28 statue di bronzo di grandezza superiore al naturale. Tra le altre attrazioni al suo interno, vanno ricordati l’Organo Ebert del 1558, uno dei più antichi organi da chiesa tuttora funzionanti, la Cappella d’argento e la tomba di Andreas Hofer.


La Ottoburg
Si tratta di una casatorre gotica, fatta costruire nel 1494 da Massimiliano I, vicino alle antiche mura cittadine presso una fortezza ed oggi ospita un famoso ristorante-trattoria.

Il Castello di Ambras
A 4 chilometri a sud-est del centro di Innsbruck, nel quartiere di Ambras, sorge l’omonimo  Castello, che offre una straordinaria vista panoramica sul circondario. L’attuale struttura fu realizzata tra il 1570 e il 1589 dall’arciduca Ferdinando II (1529-1595), governatore del Tirolo, e si compone di due parti: la parte bassa, o Unterschloss, è una struttura a ferro di cavallo che ospita il portone di ingresso e parte delle mura esterne; la parte alta, o Hochschloss, è il castello vero e proprio, in cui è possibile ammirare una splendida collezione di ritratti degli Asburgo e in cui oggi si svolgono concerti nell’affrescata Spanische Saal. Il cortile interno è impreziosito da una fontana veneziana del Rinascimento, mentre tutt’intorno si sviluppa il giardino con giochi d’acqua e statue. I pezzi forte del Castello restano comunque le collezioni di Ferdinando II, uno dei primi appassionati collezionisti della storia, che fondò proprio qui  il primo museo d’Austria, esponendo opere d’arte, armature e altre curiosità.
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.