PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

Storia di Bruxelles

Il toponimo Bruxelles deriva dall’olandese antico Broekzele, che significa palude (broek) e abitazione (zele) ovvero “abitazione nella palude”. Tale termini vennero in seguito latinizzati in Brucsella.

Il primo nucleo della città sarebbe sorto nel VI secolo d.C. per iniziativa del vescovo di Cambrai, come punto di collegamento strategico tra le città di Colonia e Bruges. Divenne successivamente residenza dei duchi di Brabante, acquisendo così sempre maggiore importanza, tanto da essere cinta nel 1144 da una cerchia di bastioni lunga quattro chilometri.

Successivamente, la sua storia risultò indissolubilmente legata alle sorti della regione delle Fiandre, passando attraverso le lotte per il predominio tra l’Austria, la Spagna e la Francia. Nel 1477, quando divenne capitale dei Paesi Bassi austriaci, era ritenuta una delle città più attraenti e ricche d’Europa, grazie soprattutto alle sue attività commerciali, concentrate sul traffico di tessuti. Il governo spagnolo, che si protrasse ancora per tutto il XVII secolo, risultò invece inetto e disastroso, e provocò un rapido declino economico, il quale portò a sua volta gli artigiani e i mercanti alla sollevazione.

Bruxelles risentì poi della politica espansionistica di Luigi XIV, che fece bombardare pesantemente la città nel 1695. All’inizio del Settecento si alternarono alla guida della città francesi e austriaci. Questi ultimi si impadronirono infine della città col trattato di Aquisgrana (1748) e governarono in modo avveduto, promuovendo anche un programma di rinnovamento urbanistico che previde la realizzazione della magnifica Grand Place, per opera dell’architetto Guimerd.

L’indipendenza, dopo un periodo di occupazione napoleonica e dopo quindici anni di associazione con la Corte d’Olanda, venne finalmente raggiunta nel 1830, in seguito a una rivolta scoppiata tra le vie cittadine il 25 agosto.
Bruxelles visse poi decenni di tranquillità, interrotti soltanto dalle invasioni tedesche del 1914 e del 1940. Per quanto riguarda la storia contemporanea, essa si lega per lo più al ruolo centrale assunto da Bruxelles in ambito europeo ed internazionale come sede dell’Unione Europea.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.