PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

ll fascino misterioso della Foresta Nera

Foresta Nera

 

Nel cuore dell’Europa si innalza un’area montuosa ricca di vegetazione: a sud-ovest della Germania si estende la famosa Foresta Nera, luogo incontaminato e sconfinato che da sempre attrae moltissimi visitatori. Chiamata Schwarzwald in tedesco, questa meta naturalistica presenta zone di diversa conformazione, ma in generale, grazie al suolo particolarmente fertile, è coperta da una densa quantità di vegetazione, rendendola una florida foresta verde.

La zona deve la sua rigogliosità ai numerosi fiumi e laghi che l’attraversano, utilizzati anche come fonte di energia e fornitura d’acqua potabile. Un luogo così intimo e primitivo entra nel profondo dei cuori, riportando a quel legame innato tra uomo e natura, una condizione abbracciata dal celebre Martin Heidegger. Il filosofo esistenzialista tedesco decise di trascorrere gran parte del suo tempo, in età avanzata, in una baita nella Foresta Nera dove riusciva a ritrovare sé stesso. Queste meditazioni sono rintracciabili nel suo scritto del 1934 “Perché restiamo in provincia” e in un’opera di un autore francese “ Il messaggero della Foresta Nera”. che lo andò a conoscere proprio immerso in quel creato.

L’arte della Foresta Nera

Foresta NeraQuest’area è anche ricca di cultura e tradizione, infatti queste zone distanti dai centri urbani tendono a custodire gelosamente le loro usanze. Un’arte rinomata è quella degli artigiani del legno, in particolare dediti alla costruzione a mano di orologi a cucù, che possono diventare vere e proprie creazioni di grande valore, arricchite di decorazioni e intagli precisi nei minimi dettagli.

Inoltre la zona vanta anche una prelibata cucina, per esempio il famoso Kirsch veniva prodotto, nonostante il colore sia trasparente, con le amarene che crescevano selvagge nel bosco. Questo distillato è un ingrediente importante della tradizionale torta ritenuta originaria del XVI secolo chiamata appunto Torta Foresta Nera, ricca di pan di spagna al cioccolato, panna e ciliegie: una vera delizia.

Leggende dalla Spaventosa Foresta Nera

Già dal nome è possibile rimanere leggermente dubbiosi sulla natura intrinseca del luogo che non è indicato come “verde” oppure “gioiosa e rigogliosa”, ma come “nera”. Nel corso dei secoli questo luogo è stato location di molte leggende di creature mostruose che si aggirano per le zone più nascoste della selva, aiutate dal fitto fogliame e dal buio.

Foresta NeraOscurità e zone selvagge è la combinazione perfetta per streghe, fantasmi, animali feroci e molto altro ancora, ma come al solito sono solo leggende popolari nate probabilmente per impedire ai bambini di intrufolarsi soli nel profondo della Foresta. Infatti basta ricordare che Cappuccetto Rosso nel bosco trova il lupo ei due fratellini Hansel e Gretel devono affrontare un strega malvagia. Inoltre questo luogo è stato set per il film tedesco “Black Forest”, un thriller del 2010, difficilmente la notorietà del luogo permetterebbe di usarlo come meta di vacanze di un film leggero e comico.

La Foresta Nera incuriosisce sia per il suo mistero che per la sua bellezza primitiva e unica, perciò è la meta ideale per chi ama l’avventura, il folklore e la natura. Questo luogo sorprendente non è distante dalla Francia, infatti la regione dell’ Alsazia è assai vicina con il suo famoso capoluogo Strasburgo, che durante il periodo natalizio, con i suoi mercatini, è una destinazione assai ambita.

Per maggiori informazioni, cliccare QUI.

The following two tabs change content below.

Cecilia Aicardi

Sono Cecilia, una studentessa universitaria con la passione per viaggiare e la curiosità di conoscere luoghi nuovi, perchè non c'è modo migliore di spendere il tempo che dedicarlo a scoprire preziose e uniche mete. Ho avuto il piacere di visitare il Tokyo, Copenaghen, Londra, Dublino, Berlino, Praga, Parigi, Budapest e molte altre, perchè desidero fortemente riuscire a visitare il più possibile di questo straordinario e variegato mondo, anche perchè le persone non fanno i viaggi ma sono i viaggi che fanno le persone.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.