PRENOTA CON 10€Blocca la prenotazione con 10€ e saldi prima della partenza

4 dolci natalizi ungheresi: tremendamente irresistibili!

Dolci natalizi ungheresi- Chimney Cake

 

dolci natalizi ungheresi sono in assoluto tra i più buoni in Europa! Siete pronti a rimanere… affamati?

Dolci natalizi ungheresi: Budapest (non) solo mercatini

La capitale magiara non è solamente una delle capitali dell’est più eleganti e imperiali, ma è anche una delle città in cui tutti gli anni si accende la magia dei mercatini: le tipiche bancarelle a casetta occupano la piazza sottostante la Basilica di Santo Stefano, facendo sognare anche chi non è particolarmente incline a farlo. Cascate di luci, canzoni natalizie, alberi addobbati, piste di pattinaggio e si fa in fretta a venir coinvolti in una delle atmosfere natalizie più belle di sempre.

Ma Budapest a Natale non è solo decine di bancarelle con prodotti tipici, artigianali e alimentari, è anche dotata di una delle cucine più gustose che a me, amante della cucina italiana, sia capitato di assaggiare all’estero.

I suoi dolci soprattutto, sono una coccola gustosa e dolcissima che vi aiuterà a ricaricarvi durante il rigido inverno ungherese.

Dolci natalizi ungheresi: #1. il Bejgli

BejgliIl Bejgli è un dolce che fa parte della tradizione natalizia dei paesi dell’est Europa. Pare che l’origine del dolce risalga a una remota invasione da parte degli Armeni. Da allora, il Bejgli si è sviluppato anche nel resto del territorio limitrofo all’Ungheria, come nella vicina Polonia, fino a diventare uno dei dolci natalizi tipici, al pari del panettone per noi italiani.

In realtà attualmente non viene preparato solo nel periodo natalizio, ma anche durante la Pasqua.

Durante il periodo natalizio è acquistabile dappertutto, nelle pasticcerie, nei ristoranti, nei supermercati e anche presso le bancarelle dei mercatini, dove potrete gustarlo in più varianti.

È un rotolo di pasta che può essere farcito con noci o semi di papavero o di castagna, a seconda dei gusti. Può essere guarnito con glassa di zucchero o servito insieme alla panna montata.

Come si gustano questi dolci natalizi ungheresi? Con un buon bicchiere di vino Tokaji dolce!

Dolci natalizi ungheresi: #2. il Krémes

Questo dolce cremoso è uno dei più amati, proprio per la sua leggerezza e semplicità. Chi lo prepara seguendo la ricetta tradizionale utilizza due strati di pasta sfoglia all’interno dei quali è presente una specie di panna cotta. L’influenza della pasticceria francese ha cambiato leggermente la ricetta tradizionale, aggiungendo ancora uno strato di panna montata.

Nella variante al miele, viene preparato durante le vacanze pasquali.

Dolci natalizi ungheresi: #3. lo Zserbó zselet

Anche chiamato fetta di Gerbaud dal nome del pasticcere francese che la inventò (proprietario di una delle più famose pasticcerie ungheresi, che si trova proprio nel cuore della città), lo Zserbó zselet è il più ipercalorico dei dolci natalizi ungheresi.

La ricetta base prevede lievito di birra e tantissime uova. L’aspetto è quello di un wafer, fatto a più strati, farciti con noci, burro, cioccolato e marmellata di albicocche.

Dolci natalizi ungheresi: #4. il Kürtoskalács

Dolci tipici ungheresiQuesto dessert è forse il più tipico e conosciuto dai turisti che visitano Budapest durante il Natale. Conosciuto anche come torta a camino o camino dolce per la sua particolare forma, sembra che abbia anche un altro primato: è il dolce più antico dell’Ungheria.

Originario della Transilvania, ma con un’origine sicuramente molto antica data la sua semplicità, la torta a camino, tradotto in inglese chimney cake, durante il periodo natalizio viene preparato dai venditori ambulanti sul momento e guarnito a piacere. È infatti ritenuto uno dei dolci ungheresi street food, essendo venduto per strada, ai mercatini, durante le fiere.

La pasta viene arrotolata su un rullo e cotta sulla brace, fino a quando non si è colorata al punto da divenire croccante. Viene poi spolverata con cannella, zucchero a velo, cioccolato, praline, a seconda di quello che si preferisce!

Il Kürtoskalács è stato poi esportato in altre parti dell’Europa; in Francia è conosciuto come Gâteau-a-la-Boche, nella Svezia meridionale è invece chiamato Skansk Spettkaka, realizzato in modo un po’ diverso, con la farina di patate. Ma viene anche preparato in Austria, Polonia, Germania e Lituania, dove è diventato dolce nazionale.

E voi, di quali dolci natalizi ungheresi non potete più fare a meno?

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Ultimi post di Krizia Ribotta (vedi tutti)

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.